A Scarlino un “viaggio” nella storia e nell’alimentazione etrusca

SCARLINO (Grosseto) – Un viaggio nel tempo, per scoprire gli antichi sapori e le tradizioni della tavola etrusca. È questo l’evento in programma venerdì 1 settembre a Scarlino, che vedrà protagonisti la storia, il vino e il cibo. Grazie all’iniziativa del direttore scientifico dei Musei di Scarlino, Lorenzo Marasco, e al sostegno del Consiglio regionale toscano, la piccola cittadina si prepara infatti a rivivere le atmosfere di una delle civiltà più affascinanti della sua storia.

 

Lorenzo Marasco

L’evento prende spunto dai ritrovamenti archeologici del territorio, come il corredo per banchetto di Poggio Tondo, attualmente esposto in una mostra a Castagneto Carducci. E la giornata svelerà il legame intimo e profondo degli etruschi di Scarlino con il cibo e il vino.

Il centro “Riccardo Francovich” aprirà i battenti alle 16.30 con un laboratorio didattico per i più giovani. Mentre alle 17, nella suggestiva cornice della sala consiliare, inizieranno le presentazioni che porteranno i partecipanti in un viaggio attraverso i reperti archeologici e i racconti legati al vino e alla tavola. Tra gli ospiti attesi, Carolina Megale del Museo etrusco Populonia e Giuditta Pesenti del Centro documentazione etrusco Rocca di Frassinello, che illustreranno al pubblico le abitudini culinarie dell’antico popolo.

Un’esperienza sensoriale unica sarà offerta da Giorgio Franchetti con il suo libro A tavola con gli Etruschi, un vero e proprio viaggio tra raffigurazioni artistiche e fonti storiche, impreziosito dalla performance dal vivo del gruppo “Phonomachoi“.

Dalle 19, il borgo si trasformerà in una vera e propria taverna all’aperto, dove i partecipanti potranno degustare piatti preparati seguendo antiche ricette etrusche, accompagnate da vini “etruschi” e prodotti locali. La serata si concluderà con una visita all’area archeologica della Rocca di Scarlino, in collaborazione con l’associazione archeologica Odysseus.

«Con orgoglio sosteniamo questo evento che valorizza le nostre radici e la nostra storia», ha commentato Michele Bianchi, assessore alla cultura. L’evento, infatti, rientra tra le iniziative promosse dal Consiglio regionale per celebrare l’identità toscana.

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate