Pyrgi: al via il progetto Porti Aperti, l’attualita’ dell’accoglienza nel porto etrusco

PYRGI, 7 APRILE – Il progetto didattico “PORTI APERTI. Narrare l’attualità dell’accoglienza e dell’integrazione nel porto etrusco di Pyrgi”, vincitore del bando di Avvio alla Terza Missione di Sapienza Università di Roma, è ufficialmente partito.

pyrgiIl progetto, articolato nei prossimi mesi, e destinato agli alunni delle scuole, si propone di realizzare una serie di percorsi volti a far conoscere lo straordinario patrimonio archeologico di Pyrgi ad un pubblico sempre più ampio. Si tratta cioe’ di sensibilizzare sul tema della protezione del patrimonio culturale, responsabilizzare sui temi dell’ambiente e dei cambiamenti climatici, promuovere l’inclusione e l’accoglienza di studenti provenienti da scuole, contesti e territori diversi, sviluppare infine competenze di team working e senso di responsabilita’.
Sapienza pyrgiLo scavo archeologico del porto e santuario etrusco della antica Caere costituisce una formidabile opportunità di Avvio alla Terza Missione, dedicata alla valorizzazione della conoscenza e alla produzione di beni pubblici, in favore della società ai fini del cambiamento del contesto (interno ed esterno) di riferimento. Lo scavo vanta un filone di studi e attività di ricerca sul campo eccellenti, avviate a partire dal 1957 su iniziativa del Dipartimento di Scienze dell’Antichità dell’ateneo romano. Sebbene l’impatto delle ricerche Sapienza sui contesti di riferimento sia stato forte e duraturo nel tempo, con creazione di musei e promozione di imprese locali, ancora molto potrebbe essere fatto nell’ottica di un ritorno in termini di utilità sociale ed economica.
pyrgiIl progetto intende concentrare l’azione sul coinvolgimento e sulla partecipazione attiva della comunità locale e di chi fruisce il territorio, in modo da innescare il meccanismo che dal Property Heritage conduca al Cultural Heritage: uno strumento per garantire un processo di co-progettazione che veda il coinvolgimento e la collaborazione di tutti coloro che gestiscono e fruiscono di tale patrimonio, dalle istituzioni, ai ricercatori fino alla cittadinanza locale. 

Si vuole dunque realizzare un progetto didattico-scientifico incentrato sulla scoperta del sito di Pyrgi attraverso la realizzazione di un percorso espositivo realizzato dagli studenti delle Scuole Primarie e delle Scuole Secondarie di II° grado, situate nel territorio di Cerveteri e nella città di Roma, in cui gli studenti diverranno protagonisti e al contempo narratori della storia di Pyrgi, piccoli e grandi collaboratori d’eccezione.

Dal momento che la proposta mira al coinvolgimento della più ampia gamma di pubblici possibile, che andranno tra l’altro ad incrementare l’attività delle piccole imprese presenti sul territorio, si progetta di affiancare un ciclo di conferenze divulgative dal titolo “Estate a Pyrgi. Alla scoperta dell’antico porto etrusco”, da attuare nei mesi estivi, periodo in cui l’area è caratterizzata dal flusso turistico catalizzato dal Castello di S. Severa. (@EtruscanTimes)

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate