Il sacro e l’acqua in Etruria: un incontro domenica a Castiglion Fiorentino

CASTIGLION FIORENTINO, 19 MAGGIO – Il sacro e l’acqua in Etruria: questo il tema di un incontro organizzato domenica 21 maggio dall’Associazione Culturale Spazio Aperto di Castiglion Fiorentino con l’etruscologa Margherita Scarpellini che per anni e’ stata la responsabile del sistema museale locale oltre che, due mandati, sindaco del vicino Monte San Savino.
Si parlera’ di contesti archeologici scoperti non solo nel territorio aretino. Saranno illustrati rinvenimenti legati alle proprietà terapeutiche delle acque, da quelle termali – come Montione presso Arezzo apprezzate per secoli e prosciugate all’inizio del Novecento – al Lago degli Idoli in Casentino proprio sotto il Monte Falterona. Verrà poi analizzata una nutrita quantità di reperti tra cui spiccano quelli del Deposito di Brolio, scoperto nel 1863 e oggi esposto al Museo Archeologico di Firenze, e della stipe di S.Lucia nel territorio castiglionese, fino ad evidenziare come alcuni pozzi, sorgenti o polle d’acqua potevano venir considerati elementi oggetto di venerazione, come ne è eloquente testimonianza il verso di Servio “…nullus enim fons non sacer…” che dà il titolo allo stesso incontro di domenica prossima.

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate