Etruria e Mediterraneo tra protostoria e storia: scritti per 80 anni Filippo Delpino

ROMA, 29 LUGLIO – Tra protostoria e storia: l’Etruria nel cuore del Mediterraneo: questo il titolo di un libro a piu’ voci di saggi in onore di Filippo Delpino in occasione del suo 80° compleanno.

Il volume, che riflette la ricchezza degli interessi di Delpino, e’ pubblicato da Mediterranea, la rivista dell’Istituto di studi sulle Civiltà italiche e del Mediterraneo antico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) da lui diretta per lunghi anni. Dall’Etruria e il Lazio, affrontate sul piano dei costumi funerari e della vita degli abitati, della cultura materiale nella loro valenza iconografica, indagata nei molteplici aspetti come riflesso di usi e modelli identitari delle comunità, lo sguardo si estende a tutto il Mediterraneo; inoltre, anche la storia delle indagini archeologiche in Etruria, lo sviluppo e l’organizzazione a Roma della tutela delle antichità, la storia della museologia e del collezionismo, costituiscono altri temi considerati con cura. Tutto questo è testimoniato dal contenuto di questo volume che vede tra gli autori numerosi specialisti, tra cui molti allievi e moltissimi amici e colleghi che entusiasticamente hanno aderito, dimostrando stima, affetto e partecipazione per lo studioso e collega.

Hanno curato il volume Alessandra Piergrossi, Andrea Babbi, Massimo Cultraro. Socio della Pontificia Accademia Romana di Archeologia, membro ordinario dell’Istituto Nazionale di Studi Etruschi ed Italici e direttore di ricerca emerito del CNR, Delpino e’ uno studioso di etruscologia e di protostoria tirrenica, formatosi alla scuola di Massimo Pallottino, che è andato via via estendendo le proprie attività di ricerca alla storia dell’archeologia, della museologia archeologica e della tutela artistico-antiquaria. In questi specifici ambiti si segnalano
studi sulle vicende delle esplorazioni archeologiche effettuate a Veio, sull’istituzione nell’Italia postunitaria di uffici della pubblica amministrazione per la tutela delle antichità, sulla fondazione e sullo sviluppo del Museo di Villa Giulia a Roma, sulle biografie di alcuni dei protagonisti dell’archeologia romana e italiana dell’Ottocento e del Novecento.

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate