Alla Fondazione Rovati operativo il servizio di dog-sitting

MILANO, 28 NOVEMBRE – Vorrei visitare il museo, ma cosa faccio del povero Fido? A Milano oggi si puo’. La Fondazione Luigi Rovati, dove e’ in corso la mostra sugli ori della collezione Castellani, mette a disposizione un servizio di dog-sitting dedicato ai visitatori accompagnati da animali domestici.

L’iniziativa e’ stata resa possibile grazie alla collaborazione con Bauadvisor: sarà cosi’ possibile affidare il proprio cane a un accompagnatore professionista e godersi in tutta serenita’ la visita al museo. Dopo aver completato la prenotazione tramite il sito web o l’app di Bauadvisor, il visitatore sara’ accolto all’ingresso del Museo dal dog-sitter, pronto a prendere in custodia temporanea l’amico a quattro zampe per condurlo in passeggiata nelle aree limitrofe, in attesa che il proprietario concluda la propria visita.

Bauadvisor, nato da un’idea di Dino Gasperini, ha stabilito convenzioni con molti altri musei e luoghi di cultura in Italia: tra questi, da ultimi, il Museo di Intesa San Paolo : Gallerie d’Italia di Milano e la Cattedrale di Anagni. E’ possibile organizzare intrattenimenti museali (e passeggiatine in parallelo per gli amici a quattro zampe) anche ai Musei Capitolini per la mostra su Fidia, al Palazzo Ducale di Genova per Steve McCurry e a Ca’ Pesaro per Maurizio Pellegrini, ma anche al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, a tutti i 13 Musei Civici di Bologna, Palazzo Diamanti a Ferrara, la Direzione Regionale dei Musei dell’Emilia Romagna, la Domus dei Tappeti di Pietra a Ravenna, il Mart di Rovereto , il Museo Archeologico Nazionale di Verona,  il Castello di Santa Severa a Cerveteri in collaborazione con la Regione Lazio, Galleria Colonna a Roma e tanti altri. Per non parlare dei teatri.

“Con i nostri esclusivi servizi, spiega Gasperini, abbiamo reso la cultura e lo spettacolo in Italia dog friendly e offriamo una soluzione a migliaia di persone, italiani e turisti, per vivere al meglio la cultura, lo spettacolo e tutto il nostro patrimonio culturale pubblico e privato”.  (@EtruscanTimes)

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate