Giulio Paolucci presenta il museo della Fondazione Rovati al Museo Civico di Bologna

BOLOGNA, 20 APRILE – Per chi non lo conosce, ma anche per chi gia’ conosce il museo d’arte della Fondazione Rovati di Milano, a Bologna c’e’ una opportunita’ a un’ora di treno: sabato 22 Aprile a Bologna il conservatore Giulio Paolucci ne parlera’ al Museo Civico alle 17, Sala conferenze, e ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti.

L’appuntamento permettera’ di conoscere direttamente il lavoro della Fondazione fondata dal medico, ricercatore e imprenditore farmaceutico a cui fa capo un museo e una collezione  che incrocia l’arte etrusca al contemporaneo. Rovati, scomparso nel 2019 all’eta’ di 91 anni, aveva fondato a Monza l’azienda farmaceutica Rottapharm, venduta nella sua parte commerciale nel 2014 agli svedesi di Meda per 2,2 miliardi di euro fra cash e azioni. E’ stato uno degli imprenditori italiani del Secondo dopoguerra portatori di un modello di frontiera tecnologica strategica: fra università e fabbrica, deep science e mercato.

“Quello tra storia e arte è un legame affascinante. Capire il rapporto che lega un popolo alle sue espressioni artistiche è avvincente, così come lo è vedere che i cambiamenti di stile nell’arte sono lo specchio di mutamenti nella società. Riuscire a cogliere questo legame mi ha aiutato a comprendere popoli lontani nel tempo e nello spazio e ha costituito la base della mia visione del fare impresa”, aveva detto, spiegando la filosofia che l’aveva guidato come scienziato e come collezionista.

Per saperne di piu’, e per chi non puo’ partecipare all’incontro di sabato con Paolucci, ecco qui il link al sito della Fondazione.

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate