L’Ara della Regina di Tarquinia al centro del prossimo Salotto Etrusco

ROMA, 10 APRILE – Le fasi classiche ed ellenistiche del Santuario Ara della Regina di Tarquinia saranno al centro dell’approfondimento offerto il 16 aprile dal prossimo “Salotto Etrusco”, un ciclo di conferenze organizzato dall’Istituto Svedese di Studi Classici a Roma.
Jacopo Tulipano, candidato al dottorato in Etruscologia presso l’Universita’ la Sapienza di Roma, presentera’ i progressi e alcuni dei risultati ottenuti durante la sua ricerca riguardante lo studio della principale area sacra di Tarquinia. Lo studio comprende le fasi successive ai templi arcaici, dal V secolo a.C. alla fine del periodo ellenistico e alla piena romanizzazione.
Integrando l’analisi dei materiali archeologici con un esaustivo esame architettonico del santuario, la ricerca cerca di colmare lacune. Nonostante il sito sia stato approfonditamente studiato fin dal XIX secolo ad oggi, la pubblicazione completa e l’edizione scientifica dei dati di scavo si sono concentrati principalmente solo sui templi arcaici. Lo studio mira quindi a far luce su uno degli esempi più significativi tra le aree sacre etrusco-italiche nelle epoche successive, classica ed ellenistica. Si pone l’accento sull’interazione del santuario con il tessuto urbano e la città antica, con lo scopo di arrivare all’edizione completa dei materiali scoperti dagli scavi dell’Università di Milano (l’ateneo dove Tulipano si e’ laureato in scienze del patrimonio culturale seguito da un master in archeologia) e dagli sforzi precedenti. La presentazione metterà in evidenza le questioni individuate, i risultati ottenuti e gli approcci metodologici, in particolare per quanto riguarda l’esame architettonico del santuario.
Dal 2012 Tulipano è membro del Progetto Tarquinia, diretto dalla prof. Giovanna Bagnasco Gianni e in cui ha ricoperto la carica di supervisore di campo per un’area del cantiere di scavo ‘complesso monumentale’, e supervisore della ceramica, con particolare attenzione alle terracotte architettoniche e ai materiali da costruzione antichi. (@EtruscanTimes)

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate