Testa di Idrofora di eta’ romana restituita alla Collezione Torlonia

ROMA, 1 GIUGNO – Dopo mezzo secolo torna a casa una testa di marmo di eta’ romana sottratta alla Collezione Torlonia: la cerimonia di restituzione della scultura ritrovata dall’Arma dei Carabinieri in una collezione privata svizzera, si e’ tenuta a Villa Albani Torlonia.

La testa faceva parte di una statua di Naiade o Idrofora (portatrice d’acqua): era stata rubata nel 1978 dalla Colleziona Torlonia assieme ad altri quattro oggetti e ora e’ stata ricollocata al suo posto sul collo della scultura originale. L’operazione dei ‘Carabinieri dell’Arte’ e’ cominciata nel 2015 dopo una segnalazione di uno studioso tedesco che aveva visto la testa in una rivista d’arte con, come provenienza, una collezione di Zurigo. La testa e’ stata rimpatriata l’anno scorso ma solo ora, concluse le operazioni di restauro, e’ stata riattaccata al resto del corpo della Naiade.

Hanno collaborato alle operazioni di ricerca la Soprintendenza di Roma, la procura della Capitale e le autorita’ svizzere. la vedova del collezionista, secondo le autorita’, aveva ereditato la scultura in buona fede.

“E’ un risultato straordinario, che ridona bellezza a questa statua meravigliosa”, ha detto il Generale Vincenzo Molinese, capo della speciale unita’ dei Carabinieri del Nucleo Patrimonio Culturale. ” La fine di un lunghissimo viaggio. La conservazione del patrimonio è il fondamento che orienta tutta la nostra attività. Il ritorno della terza dell’Idrofora acquisisce dunque un valore simbolico rispetto a quest’impegno”, ha commentato il Presidente della Fondazione Torlonia Alessandro Poma Murialdo, nipote del principe Alessandro Torlonia morto nel 2017 a 92 anni. 
Testa romana di Idrofora restituita alla Collezione TorloniaQui sopra un’immagine dell’Idrofora dalla Teutsche Akademie di J. Sandrart, vol.II,2 (1675-79), dalla quale risulta che la Naiade erà già confezionata nel 600. L’opera veniva dalla villa Giustiniani fuori Porta del Popolo, ed è menzionata nell’ Inv. del 1638 (Gallottini, nr. 776): “una mezza statua che tiene du vasi, uno per mano, vestita (qui ci vuole una virgola) dal mezzo in giù a modo di termine antica restaurata alta pal. 8 1/2 inc.a dentro una nicchia”; ancora in quello del 1648 (nr. 111).
La Collezione Torlonia consiste di 620 sculture di eta’ greco-romana che per la prima volta in decenni sono state esposte al pubblico nel 2020.

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate