“La Chimera” di Alice Rohrwacher sul mondo dei tombaroli va in concorso a Cannes

CANNES, 13 APRILE – “La Chimera” di Alice Rohrwacher sul mondo dei tombaroli va in concorso a Cannes. Il film della regista fiesolana sul traffico illegale di antichita’ è stato selezionato per il 76esimo Festival del cinema in programma dal 16 al 27 maggio nella citta’ sulla riviera francese. La regista, candidata all’Oscar 2023 per lo short “Le Pupille”, torna in cosi’ in concorso alla Croisette dopo “Lazzaro Felice” (Migliore Sceneggiatura 2018) e “Le Meraviglie” (Gran Premio della Giuria 2014)

Alice ha scritto la sceneggiatura oltre a tornare dietro la macchina da presa: “Sono felice e onorata di tornare in selezione ufficiale a Cannes dopo 5 anni – ha detto – un Festival che mi ha visto crescere e che mi ha dato la libertà di continuare a cercare, a sperimentare. Ringrazio Thierry Frémaux e il comitato di selezione per la fiducia e tutte le persone che mi hanno accompagnata nel lungo viaggio di ‘La Chimera’”.

Ambientato negli anni ’80 nel mondo clandestino dei tombaroli e girato tra Tarquinia e Blera, “La Chimera” e’ la storia di Arthur, un giovane archeologo inglese (Josh O’Connor che in “The Crown” e’ stato il giovane principe Carlo) coinvolto nel traffico clandestino di reperti archeologici. Completano il cast Isabella Rossellini nel ruolo di una cantante d’opera in pensione, Carol Duarte, Alba Rohrwacher e Vincenzo Nemolato. Il film e’ la terza puntata di una trilogia cominciata con “Le Meraviglie” e che si interrogano su una domanda centrale: Cosa dobbiamo fare con il passato? E’ il passato niente di piu’ di un mondo perduto o e’ intrinsecamente collegato al nostro presente?

Come tutti i film di Alice Rohrwacher, “La Chimera” è prodotto da Carlo Cresto-Dina per tempesta con Rai Cinema, in coproduzione con Ad Vitam Production (Francia) e Amka Films Productions (Svizzera), in collaborazione con Arte France Cinema, in associazione con TRT-Cinema. L’uscita del film è prevista entro l’anno. Il distributore italiano e’ 01 Distribution, negli Stati Uniti sarà invece NEON (“Parasite”, “Titane”, “The Triangle of Sadness”)

Per “La Chimera”, per cui a Cannes dovra vedersela anche con “Il Sol dell’Avvenire” di Nanni Moretti e “Rapito” di Marco Bellocchio, Alice Rohrwacher è tornata a lavorare con le sue storiche collaboratrici: la direttrice della fotografia Hélène Louvart (“La figlia perduta”),  la montatrice Nelly Quettier (Holy Motors), la scenografa Emita Frigato, la costumista Loredana Buscemi e la acting coach Tatiana Lepore.

 

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate