La scrittrice Elizabeth Storrs accompagna a Formello il lancio italiano di “Il Velo Nuziale”

FORMELLO, 5 MAGGIO – La scrittrice Elizabeth Storrs accompagna a Formello il lancio italiano di “Il Velo Nuziale”. La traduzione italiana del primo romanzo della trilogia dedicata alla Roma – e a Veio antica – della scrittrice australiana sara’ presentato nella Sala Grande di Palazzo Chigi il 14 maggio.
Il romanzo sarà presentato alla Fiera del Libro di Torino (dal 18 al 22 maggio), ma l’incontro con la Storrs a Formello sarà l’unico in sua presenza in Italia. Il Museo dell’Agro Veientano ha infatti un particolare legame con la scrittrice: l’installazione delle “Teste parlanti” dedicata alla stipe votiva di Veio-Campetti mette in scena e fa parlare tutti i personaggi più importanti dei romanzi, per raccontare la presa di Veio, e tutti i motivi che hanno da sempre legato e diviso Veio e Roma.
La saga della Storrs (titolo originale “A Tale of Ancient Rome”) prende ispirazione dal Sarcofago degli Sposi del Louvre (gemello di quello conservato al Museo di Villa Giulia a roma), ma e’ stato un altro monumento sepolcrale, quello di Thanchvil Tarnai e del marito Larth Tetnies al Museum of Fine Arts di Boston ad aver dato la scintilla per il titolo del primo volume della trilogia: “Un uomo e una donna nudi tra le braccia l’uno dell’altra sotto un mantello che simbolizza il grande velo sotto cui si sono scambiati i voti. Una immagine ancor piu’ potente della coppia di sposi sulla cassa: marito e moglie  avvolti nel velo nuziale per l’eternita’ in un abbraccio sensuale, un simbolo potente contro il male e la morte che invoca la forza della rigenerazione”, si legge sul sito web della scrittrice.
Elisabeth Storrs ha studiato legge e lettere classiche; vive a Sydney. Partendo dal Sarcofago degli Sposi ha voluto addentrarsi nella storia della lotta tra l’etrusca Veio e la Roma repubblicana. È la fondatrice e presidente della Historical Novel Society
Australasia (HNSA). Ricercati e scritti in un periodo di quindici anni, i libri della trilogia descrivono gli anni prima e dopo la presa di Veio del 396 a.C. Nel 406 a.C., per suggellare una fragile tregua, la giovane romana Caecilia (soprannominata Cilla o Bellatrix) protagonista di Il Velo Nuziale viene fatta sposare al nobile etrusco di Veio Vel Mastarna. Lasciandosi alle spalle la cultura militare della patria, Caecilia e’ decisa a proteggere le virtu’ romane nel nuovo ambiente peccaminoso degli Etruschi, ma  a dispetto delle migliori intenzioni viene sedotta da una cultura che offre alle donne istruzione, indipendenza, liberta’ sessuale e una religione in cui hanno un ruolo.
Dialogheranno con l’autrice Andrea Oliverio, scrittore di romanzi storici e responsabile della Collana Roma Antica di AltreVoci Edizioni e Iefke van Kampen, direttrice del Museo dell’Agro Veientano e ideatrice delle Teste Parlanti. L’evento è stato organizzato dal Comune di Formello in collaborazione con Archeoares s.n.c. affidatario dei servizi museali, sotto gli auspici del Ministero della Cultura, in occasione della Giornata Internazionale dei Musei dell’ICOM 2023.

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate