Pontecagnano: su Archeologia Viva gli Etruschi di Frontiera

ROMA, 28 OTTOBRE -Pontecagnano e gli Etruschi di Frontiera. È uscita Archeologia Viva di novembre/dicembre con una copertina dedicata alla straordinaria vicenda del centro della Campania dove migliaia di sepolture raccontano la storia di una convivenza unica fra i popoli dell’Italia preromana. Lo speciale sugli “Etruschi del Sud” e’ a cura Ilaria Menale, Carmine Pellegrino e Luigina Tomay, tre studiosi della Magna Grecia, con un servizio fotografico particolare di Alfio Giannotti.

“In precedenti numeri della rivista li abbiamo visti oltre gli Ap- pennini, nel mondo celtico, nella grande Spina, addirittura a nord del Po a Bagnolo San Vito, dove per tanti anni ha condotto gli scavi Raffaele Carlo De Marinis, uno dei primi nostri collaboratori da poco scomparso. Ora li vediamo nel Meridione, stanziati a destra del Sele, a contatto con altri popoli italici, soprattutto con il mondo greco e la vicina Poseidonia/Paestum. Ancora la Penisola non era stata “normalizzata” dai Romani e le genti ci vivevano libere di rela- zionarsi in base ai propri interessi e necessità”, scrive nel fondo di copertina il direttore e ondatore della rivista, Piero Pruneti.

“In questo complesso mondo preromano, prosegue l’editoriale, gli Etruschi senz’altro avevano una preminenza, forti del loro ethnos, una lingua, una cultura, un mito che ne facevano una civiltà. Senza tuttavia quella struttura politica centralizzata e quell’idea imperiale che avrebbe decretato il dominio di Roma. Ecco ora gli Etruschi di Pontecagnano, “Etruschi di frontiera”. Il Museo archeologico che ne porta il nome e la mostra visitabile nelle sue sale ci offrono una documentazione incredibile di questo incontro e miscelamento di popoli impostato non sulle armi e sulle deportazioni, ma sulla forza attrattiva dell’economia e della cultura, che il centro etrusco di Pontecagnano fu in grado di esercitare su una vasta area circostante”. (@EtruscanTimes)

 

Ultime Notizie

Vulci nel Mondo

Il più grande database online di reperti dall' Etruria

Notizie correlate